LETTERA APERTA DI MOVIEMENTU ALLA REGIONE A SEGUITO DEL CONSISTENTE CONTRIBUTO ECONOMICO ASSEGNATO ALLA SERIE TV “DOTT. PIETRO”

LA LILA (Lega Italiana per la Lotta contro l’Aids) APRE CASTING PER IL SUO PROSSIMO SPOT (NO PROFIT)
8 Ottobre 2016
APPROVATO DAL SENATO IL DISEGNO DI LEGGE SUL CINEMA. ORA TOCCA ALLA CAMERA DEI DEPUTATI
13 Ottobre 2016

LETTERA APERTA DI MOVIEMENTU ALLA REGIONE A SEGUITO DEL CONSISTENTE CONTRIBUTO ECONOMICO ASSEGNATO ALLA SERIE TV “DOTT. PIETRO”

Moviementu Rete Cinema Sardegna, a seguito delle notizie pubblicate su vari quotidiani e riviste web  in merito all’inizio delle riprese delle serie TV dal titolo “Dott. Pietro”, in corso in Sardegna, in locations del Sulcis e a Cagliari (ai cui produttori è stato accordato dalla RAS un sostegno economico  500.000 euro) ha deciso, nell’interesse della filiera cine audiovisiva della Sardegna, di inviare,  al Presidente Pigliaru e agli assessorati competenti sui temi della cultura, dell’industria, del turismo e del lavoro la seguente lettera aperta:

OGGETTO:

Richiesta di informazioni relative al finanziamento RAS alla serie TV dal titolo “Dott.Pietro”

 

Scriviamo la presente in rappresentanza dei soci di Moviementu Rete Cinema Sardegna (associazione che raccoglie 150 soci facenti parte a vario titolo della filiera cine-audiovisiva della Sardegna e quindi interessati ai provvedimenti a favore dello sviluppo del settore, nonché direttamente implicati nelle sue conseguenze occupazionali) riguardo il sostegno da parte della RAS della fiction televisiva Dott. Pietro presentato dall’Amministrazione regionale e di cui la stampa locale ha parlato a lungo nei giorni scorsi.

Non entriamo nel merito della decisione politica che sta alla base della scelta di destinare un finanziamento tanto consistente in modo discrezionale, anche se non possiamo non notare il differente trattamento riservato ai “comuni” operatori di settore, soggetti a necessari e rigorosi bandi per poter accedere ai benefici previsti dalla Legge regionale. Ciò che al momento ci sta a cuore, e che motiva la presente lettera, è da un lato l’esigenza di conoscere la natura del provvedimento che ha permesso di stanziare la cifra a sostegno della fiction e dall’altro capire alcune questioni in relazione all’impatto lavorativo connesso all’avvio delle riprese.

Vorremo pertanto conoscere l’atto relativo allo stanziamento dei  500.000 euro, di non facile reperimento nel sito web della Regione, e le condizioni che regolano l’impegno economico. Vorremo infatti conoscere la norma di riferimento, ma soprattutto capire se siano stati fissati dei  protocolli in relazione al sostegno alla fiction. In particolare ci interessa sapere se siano state stabilite delle regole per l’assunzione di personale locale (attori, maestranze e personale specializzato) ed eventualmente con quale criterio; se sia prevista una spendita nel territorio regionale di una certa percentuale dell’importo stanziato; se esista un piano strategico che motivi lo stanziamento.

Riguardo a possibili criteri che regolino i rapporti fra l’Amministrazione regionale e i beneficiari di interventi economici nel campo degli audiovisivi ci rendiamo disponibili a un incontro in cui contribuire alla definizione di protocolli che possano essere applicati stabilmente.

Certi di un vostro riscontro porgiamo i migliori saluti,

 

Marco Antonio Pani,

Roberta Aloisio,

Enrico Pau,

Paolo Zucca,

Antioco Floris,

Enrico Pitzianti,

Carlo Dessì

(cons. direttivo di Moviementu Rete Cinema Sardegna)

In Cagliari, 7 ottobre 2016